1

LAVORO AGILE E CONGEDO COVID-19 PER SOSPENSIONE ATTIVITÀ DIDATTICA O QUARANTENA DEI FIGLI – VALIDITA’ DAL 13 Marzo al 30 Giugno 2021

LAVORO AGILE E CONGEDO COVID-19
PER SOSPENSIONE ATTIVITÀ DIDATTICA O QUARANTENA DEI FIGLI
fino al 30 giugno 2021
ISTRUZIONI OPERATIVE
Decreto-Legge n. 30 del 13 marzo 2021

 

L’articolo 2 (in particolare commi 1-5) del decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30, recante “Misure urgenti per fronteggiare la diffusione del COVID- 19 e interventi di sostegno per lavoratori con figli minori in didattica a distanza o in quarantena”, ha introdotto, a favore dei genitori lavoratori dipendenti, la possibilità dello svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile o la fruizione di un apposito congedo nei casi in cui i figli conviventi e minori di anni sedici si trovino in particolari situazioni dovute alle misure previste per contenere e contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19. A tal fine è anche previsto un congedo per il genitore con figlio disabile in situazione di gravità iscritto a scuole di ogni ordine e grado.
Ai dipendenti della scuola non spetta invece la corresponsione di uno o più bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting nel limite massimo complessivo di 100 euro settimanali (art. 2 comma 6 stesso decreto). Tali benefici sono infatti previsti per autonomi, personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, medici e infermieri.

 

DURATA DEI BENEFICI

I benefici valgono dall’entrata in vigore del decreto (13 marzo) e fino al 30 giugno 2021. La domanda per fruire della prestazione lavorativa in modalità agile o del congedo, va presentata esclusivamente al dirigente scolastico.

LAVORO AGILE

Il presupposto è che il proprio figlio convivente sia minore di anni sedici. In questi casi il personale docente e ATA può svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile per un periodo corrispondente in tutto o in parte:

  • alla durata della sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio;
  • alla durata dell’infezione da SARS Covid-19 del figlio;
  • alla durata della quarantena del figlio disposta dal Dipartimento di prevenzione della azienda sanitaria locale (ASL) territorialmente competente a seguito di contatto ovunque avvenuto;

CONGEDO PER FIGLIO CONVIVENTE FINO AI 16 ANNI

Il congedo si può utilizzare nelle sole ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile.
Il personale docente o ATA può astenersi dal lavoro per un periodo corrispondente in tutto o in parte:

  • alla durata della sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio;
  • alla durata dell’infezione da SARS Covid-19 del figlio;
  • nonché alla durata della quarantena del figlio.

Se per figlio convivente minore di anni quattordici:

  • il congedo è riconosciuto con un’indennità pari al 50 per cento della retribuzione spettante e coperto da contribuzione figurativa.

Se per figlio convivente di età compresa fra 14 e 16 anni:

  • in questi casi il congedo è senza corresponsione di retribuzione o indennità né riconoscimento di contribuzione figurativa, con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.

PERIODI DI CONGEDO PER FIGLI DISABILI

Il periodo di congedo è riconosciuto anche ai genitori di figli con disabilità in situazione di gravità accertata ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, iscritti a scuole di ogni ordine e grado per i quali:

  • sia stata disposta la sospensione dell’attività didattica in presenza

oppure

  • siano ospitati in centri diurni a carattere assistenziale per i quali sia stata disposta la chiusura.

Retribuzione

Il congedo è riconosciuto con un’indennità pari al 50 per cento della retribuzione spettante e coperto da contribuzione figurativa.

PERIODI DI CONGEDO PARENTALE FRUITI DAL 1° GENNAIO AL 12 MARZO 2021

Gli eventuali periodi di congedo parentale per figli fino ai 12 anni o eventuali periodi di prolungamento del congedo parentale per figli con handicap in situazione di gravità (artt. 32 e 33 del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151), fruiti dai genitori a decorrere dal 1° gennaio 2021, e fino alla data di entrata in vigore del decreto:

  • durante i periodi di sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio;
  • di durata dell’infezione da SARS Covid-19 del figlio;
  • di durata della quarantena del figlio;

possono essere convertiti a domanda nel congedo con diritto all’indennità al 50% e non sono computati né indennizzati a titolo di congedo parentale.

SOSTITUZIONE DEL PERSONALE ASSENTE

Al fine di garantire la sostituzione del personale docente, educativo, amministrativo, tecnico ed ausiliario delle istituzioni scolastiche che usufruisce dei benefici predetti, è autorizzata la spesa di 10,2 milioni di euro per l’anno 2021.

INCOMPATIBILITÀ

Per i giorni in cui un genitore svolge la prestazione di lavoro in modalità agile o fruisce del congedo, oppure non svolge alcuna attività lavorativa o è sospeso dal lavoro, l’altro genitore non può fruire, del congedo, o di uno o più bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting (tali bonus non possono comunque essere fruiti dai dipendenti della scuola), salvo che sia genitore anche di altri figli minori di anni quattordici avuti da altri soggetti che non stiano fruendo di alcuna delle
misure previste.

Scheda tecnica UIL Scuola Rua – lavoro agile e congedi per dipendenti con figli fino ai 16 anni

 




Apertura sportello di ascolto gratuito per l’intera durata dell’emergenza COVID-19

Vista la situazione di emergenza globale e nazionale che stiamo vivendo per la pandemia dovuta al Coronavirus 2020, la UIL scuola di Reggio Emilia grazie alla disponibilità della Prof.ssa Raffaella Frezza (insegnante di sostegno, pedagogista, counsellor professionista iscritta al CNCP e mediatrice familiare iscritta ad AssoMef), comunica la creazione di uno spazio di ascolto protetto e qualificato per la durata dell’emergenza COVID-19.

Il servizio è rivolto a chiunque senta il desiderio di ascolto e di condivisione in questo periodo di paura, angoscia, solitudine e mancanza di relazioni.

Per prenotarsi è sufficiente inviare una email a: raffaellamare@libero.it o sms o WhatsApp al 347/1452064.

La consulenza è completamente gratuita e riservata agli iscritti UIL Scuola.




Turi: serve piano B ~ Ministro abbia approccio collaborativo

Si sono fermati i campionati di calcio, differiti gli europei e forse le Olimpiadi, si è addirittura superato il tabù del 3% di deficit in Europa, tutti moloch economici e sociali, è ragionevole pensare che la scuola possa uscirne fuori solo con la digitalizzazione?

Questa la domanda che solleva Pino Turi in una lettera inviata alle segreterie UIL Scuola dopo l’annuncio del Premier Conte di un prolungamento delle misure di contenimento del Coronavirus.

L’andamento della crisi sanitaria non è quello che si poteva attendere – aggiunge Turi – l’invito che facciamo alla Ministra è di non seguire chimere e di confrontarsi con la realtà. Eviti di citare le norme solo per la parte che conviene.  Norme e Costituzione devono essere trattate come unicum, nella loro integralità, e debbono valere nel loro insieme, non solo per ciò che fa comodo.

Sarebbe meglio avere un approccio più umile e collaborativo e dotarsi di un piano B che possa raccogliere un vasto consenso democratico, mettendo le persone in condizione di capire il contesto in cui muoversi e lavorare.

A questo punto, considerato che lo spartiacque è quello del 3 aprile, serve un piano per concludere l’anno scolastico salvandone gli effetti giuridici, per tutti.
L’anno scolastico che dovrà recuperare i ritardi di questo sarà animato dagli stessi lavoratori che ora stanno facendo il massimo. Per far partire il prossimo, con il massimo della regolarità, dovranno sentirsi parte di un progetto.

Le domande a cui deve rispondere il piano sono note:

  1. come si intende dare effetti giuridici all’anno scolastico, in corso;
  2. come svolgere gli esami di maturità;
  3. come costituire l’organico di diritto e di fatto;
  4. come potere effettuare le domande di mobilità a scuola chiuse, uffici chiusi e sindacati chiusi;
  5. i concorsi che servivano per superare l’emergenza supplenti;
  6. i tempi di apertura e chiusura del vecchio e del nuovo anno scolastico.

In merito al concorso straordinario è indubbio che il sistema prefigurato deve essere modificato e sostituito da un concorso straordinario per titoli e servizio che è l’unica maniera per stabilizzare i 24.000 docenti precari che già sono stato oggetto di una apposita legge.

Per questo non servono polemiche, né l’inutile ricerca di nemici. Servono idee e condivisione. E anche un po’ di umiltà.




Sindacati scuola scrivono alla Ministra Azzolina: servono misure specifiche urgenti

Le misure varate a più riprese negli ultimi giorni indicano sempre più esplicitamente che l’adozione di forme di smart working debba intendersi come modalità ordinaria, al fine di limitare la presenza del personale negli uffici ai soli casi in cui la presenza fisica sia indispensabile e inderogabile per lo svolgimento delle attività, nel caso delle Istituzioni scolastiche quelle che le stesse sono tenute a garantire in forma minima essenziale.

Poiché dunque, nella presente situazione, è il lavoro in presenza ad assumere carattere di straordinarietà, chiediamo che siano impartite urgentemente chiare indicazioni in tal senso alle istituzioni scolastiche, in particolare prevedendo:

  • Interruzione del lavoro in tutte le situazioni nelle quali non risulti possibile l’osservanza delle disposizioni riguardanti il distanziamento fra le persone, né la messa a disposizione di materiali e strumenti idonei alla prevenzione del contagio; è infatti evidente, in tal caso, il venir meno delle condizioni di sicurezza che vanno invece assolutamente garantite;
  • chiusura di tutti i plessi non sedi di segreteria;
  • svolgimento generalizzato del lavoro agile esteso a tutte le figure professionali;
  • lavoro in presenza unicamente per far fronte alle limitate inderogabili esigenze che possono riscontrarsi in particolari tipologie di istituti scolastici, in relazione ai minimi di servizio (convitti, aziende agrarie, stipendi e altre inderogabili attività che possono essere di volta in volta individuate dall’Amministrazione).
  • moratoria di tutte le scadenze imminenti.

Alla luce delle disposizioni contenute nel DPCM 11 marzo 2020, si chiede alla S.V. di attivarsi affinché siano assunte, a livello ministeriale e/o di Governo, disposizioni che escludano in questa fase di emergenza nelle scuole prestazioni lavorative in presenza, ove le stesse non abbiano carattere di assoluta inderogabilità, prevedendo, al fine di ridurre al minimo il pericolo di contagi, la chiusura degli edifici scolastici in analogia a quanto potrebbe essere a breve previsto per analoghe situazioni che dovessero riguardare anche altre tipologie di attività produttive.

Roma, 13 marzo 2020

 




Coronavirus: le nuove misure per la provincia di Reggio Emilia

Coronavirus: le nuove misure per la provincia di Reggio Emilia

Con il nuovo decreto DPCM si aggiungono diverse e più incisive restrizioni (no zona rossa) per la Provincia di Reggio Emilia. In particolare:

  • limitazione sugli spostamenti nel territorio. Si potrà entrare e uscire solo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e di emergenza. Sarà comunque consentito il rientro presso la propria residenza o domicilio per chi ne avesse esigenza. La polizia avrà mandato di chiedere conto degli spostamenti;
  • sospese cerimonie civili e religiose, chiusi pub, discoteche e altri luoghi di divertimento, palestre e piscine, ma anche musei e luoghi di cultura. Bar e ristoranti possono restare aperti, ma solo dalle 6 alle 18 e solo se possono garantire che tra un avventore e l’altro ci sia una distanza di sicurezza di almeno un metro;
  • sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65 e le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, di corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani, ferma in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza ad esclusione dei corsi per i medici in formazione specialistica e dei corsi di formazione specifica in medicina generale, nonché delle attività dei tirocinanti delle professioni sanitarie. Al fine di mantenere il distanziamento sociale, è da escludersi qualsiasi altra forma di aggregazione alternativa.

Per eventuali dubbi potete consultare la scheda tecnica di approfondimento oppure scrivere una e-mail.

La UIL Scuola sta monitorando costantemente gli sviluppi al fine di chiederne prontamente eventuali modifiche.

Per il personale ATA è stata segnalata la necessità assoluta di tutelare il diritto alla salute con riduzione in servizio delle unità di personale (senza obbligo di recupero/ferie, e simili – vedi richiesta al Prefetto e raccolta firme).

Per tutto il personale scolastico che prima dell’emanazione del DPCM in data odierna, permanga in una diversa Regione, ha la possibilità di rientrare nei comuni della provincia di Reggio Emilia, consapevole  dell’impossibilità successiva ad eventuali spostamenti al di fuori della Provincia (ovvero fino al 3 Aprile 2020 come da decreto).




ATA e Coronavirus: ORA BASTA! diritto alla salute per tutti

Petizione personale ATA – Rischio contagio COVID-19

Richiesta apertura tavolo tecnico per “minini” in servizio

Con riferimento alle misure disposte dal Governo per il contenimento del rischio di contagio da COVID-19 la UIL Scuola chiede l’apertura di un tavolo di confronto al fine di definire la concreta attuazione delle stesse nelle realtà scolastica in considerazione della disposta sospensione dell’attività didattica, la quale implica per il personale ATA l’esposizione a potenziali situazioni di rischio sottovalutate in nome dell’esigenza di preservare la garanzia generica di un servizio che, compresso nella sua funzione essenziale, non ha motivo di esser mantenuto se non per specifiche e comprovate esigenze le quali possono essere assolte e garantite anche con la formazione di contingenti minimi.

In diverse scuole della Provincia mancano ancora, ad oggi, i DPI necessari per garantire un minimo di sicurezza.

Purtroppo le disposizioni generali dettate non possono tenere conto delle esigenze specifiche delle singole realtà scolastiche ma se la ratio delle DPCM è quella di preservare la pubblica salute limitando al minimo l’esposizione al rischio della collettività, quella ratio non potrà che sottendere la presente richiesta di contingentare nello specifico anche il numero del personale ATA da chiamare in servizio in funzione della necessità e nei limiti dello stretto necessario per adempiere a funzioni essenziali e non diversamente prorogabili.

Non si chiede di fermare la scuola, si chiede di preservare la salute dei lavoratori della scuola al pari di quella di qualsiasi altro cittadino e non che oggi in Italia è chiamato ad adottare condotte prudenti che evitino il rischio di contagio. La medesima logica non può che consigliare un richiamo oculato in servizio di un numero di lavoratori minimo e adeguato al mantenimento delle funzioni essenziali e rispetto di scadenze non procrastinabili.

Per le ragioni sopra espresse la UIL scuola chiede con urgenza massima l’adozione di concrete misure che nell’ottica preminente di contenimento del rischio di contagio e tutela della salute dei lavoratori della scuola possano garantire l’adempimento delle sole funzioni essenziali del sistema scuola con la determinazione di contingenti di personale minimi.

Rimane in attesa di comunicazione per l’apertura del tavolo tecnico entro 24h dalla consegna della presente petizione.

FIRMA LA PETIZIONE:

http://chng.it/NYqs2xmx




Emergenza Coronavirus: sospensione attività didattiche sino all’8 marzo 2020

E’ stato firmato il DPCM (Decreto Presidente Consiglio dei Ministri) relativo alla chiusura/sospensione delle attività didattiche per le Regioni in cui vi è l’emergenza Coronavirus.

Per la Regione Emilia Romagna è stata disposta la sospensione delle attività didattiche.

Ciò significa che:

Il personale ATA:

  • è regolarmente in servizio – art. 2 lettera e (pag. 4) del DPCM;
  • può richiedere eventuali giorni ferie e/o permessi.

Il personale Docente:

  • Non è in servizio. L’obbligo di giustificazione o di recupero dell’assenza non sussiste, in considerazione del fatto che l’assenza è determinate da cause di forza maggiore, non imputabile al personale scolastico come disposto dall’art. 1256 del codice civile che afferma:

    “L’obbligazione si estingue quando, per una causa non imputabile al debitore, la prestazione diventa impossibile”.

Modalità di didattica a distanza (art. 4 lettera d – pag. 9 DPCM):

  • I dirigenti scolastici delle scuole nelle quali l’attività didattica sia stata sospesa per l’emergenza sanitaria, possono attivare, sentito il collegio dei docenti, per la durata della sospensione, modalità di didattica a distanza avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità.



ATA: no a rientro “generalizzato” del personale




Chiusura uffici UIL scuola e sospensione corsi di preparazione/formazione

A seguito dell’Ordinanza Regionale dell’Emilia Romagna del 23/02/2020, gli uffici della UIL SCUOLA sospenderanno il servizio di consulenza rimanendo chiusi al pubblico fino al 01/03/2020.

Sono altresì sospesi tutti i corsi di formazione e preparazione al concorso.

Con successiva comunicazione provvederemo a comunicare le date di recupero delle lezioni.

Saremo disponibili dalle ore 08.00 alle ore 20.00 telefonicamente e tramite email.

Per contatti:

  • Pasquale Raimondo 3939868192
  • Luigi Fiorentino 3703713085
  • Emiddio D’Amora 392 583 4236

Infine si specifica che vista l’elevata quantità di messaggi whatsapp ricevuti (circa 700 solo nella serata di ieri), per esigenze si consiglia di telefonare e/o scrivere una email.

Si allega l’ordinanza Regionale.

 




CORONAVIRUS: CHIUSURA DELLE SCUOLE da lunedì 24 febbraio al 1 marzo 2020 (compreso)

CORONAVIRUS: CHIUSURA TOTALE DELLE SCUOLE

da Lunedi 24 Febbraio al 01 Marzo 2020 (compreso) 

TUTTO IL PERSONALE (DOCENTE ED ATA) NON DOVRA’ PRESTARE SERVIZIO

A seguito dell’emergenza coronavirus la Regione Emilia Romagna ha emesso un’ordinanza nella quale disponeva la sospensione delle attività.
Successivamente ha modificato la nota precisando che le scuole resteranno chiuse. Da ciò ne deriva che tutto il personale (docente ed ATA) non presterà servizio.